N.B. I documenti contenuti in questa pagina sono in formato .pdf, per visualizzarli è necessario Adobe Reader, scaricabile gratuitamente cliccando sull'icona a fianco




Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie Generale n. 68 del 23 marzo 2009).
(Fonte: Sito del Ministero della Salute)

Inoltre cliccando QUI trovate altre informazioni utili e importanti a riguardo.



Regolamento Comunale per la tutela ed il benessere degli animali.
(Fonte: Sito del Comune di Gorizia)


Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Animale, redatta dalla Lega Internazionale dei Diritti dell’Animale, presentata a Bruxelles il 26 gennaio 1978 e sottoscritta da personalità del mondo filosofico, giuridico, scientifico; successivamente è stata proclamata a Parigi, presso la sede dell'Unesco il 15 ottobre 1978.
(Fonte: sito della LIDA  Lega Italiana Diritti animali sezione di Sassari)

Testo della Legge 20 luglio 2004, n.189 relativa alle "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate"
.
(Fonte: Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 luglio 2004)


Testo della Legge Regionale 04/09/1990, N. 039 relativa alle norme a tutela degli animali domestici per il controllo e la prevenzione del fenomeno del randagismo. Istituzione dell' anagrafe canina.
(Fonte: Banca dati del sito della Regione Friuli Venezia Giulia)


Accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano in materia di benessere degli animali da compagnia e pet-therapy. Con il presente accordo le Regioni e il Governo si impegnano, ciascuno per le proprie competenze, a promuovere iniziative rivolte a favorire una corretta convivenza tra le persone e gli animali da compagnia, nel rispetto delle esigenze sanitarie, ambientali e del benessere degli animali.
(Fonte: Gazzetta Ufficiale N. 51 del 03 Marzo 2003)

Legge regionale n. 14 del 14.06.2007 relativa alle misure di conservazione generali nelle ZPS e sul territorio regionale, con particolare attenzione alla tutela dei nidi per la quale l'art. 3 comma 4 recita : "Ai sensi dell'art 5 della direttiva 79/409/CEE in tutto il territorio regionale è fatto divieto di distruggere e danneggiare deliberatamente nidi e uova di uccelli selvatici e disturbare deliberatamente uccelli selvatici". Viene sanzionato dall'art. 13 comma 6 stessa legge: "per la disturzione e il danneggiamento di nidi nonchè per il disturbo di cui all'articolo 3 comma 4, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 euro a 600 euro". Il testo completo di tale legge lo potete trovare sul sito della Regione Friuli Venezia Giulia.


Alcune regole importanti per il trasporto degli animali (dal sito della Polizia di Stato):
In auto: in Italia l'art. 169 del codice della strada consente di portare liberamente in auto un cane o un gatto, o un numero superiore di animali, purché custoditi nell'apposita gabbia o contenitore, oppure nel vano posteriore appositamente diviso da una rete o simili. Le violazioni sono punite con una sanzione amministrativa che va € 68,5 a € 275,10 alla quale si aggiunge il decurtamento di 1 punto dalla patente di guida.
In treno: è possibile portare con sé animali domestici di taglia piccola, purché sistemati negli appositi trasportini (70x50x30cm).
Nei treni a scompartimento gli animali possono restare, sotto controllo, con i loro padroni, purché gli altri passeggeri dello scompartimento lo consentano. Cani e gatti possono viaggiare solo in seconda classe con biglietto ridotto del 50 per cento così come quelli di grossa taglia che possono partire, però, solo se e tenuti a guinzaglio e con museruola.
Nei treni locali il viaggio è consentito solo con l'obbligo di guinzaglio e museruola; il costo del biglietto per cani e gatti è di € 1.
Sugli Eurostar Italia sono ammessi animali di piccola taglia custoditi negli appositi trasportini 32x32x50 da collocare, durante il viaggio, negli spazi indicati dal personale FS.
In aereo: ogni compagnia aerea ha le sue regole. Prima di mettersi in viaggio, quindi, è consigliabile contattare la compagnia aerea prescelta. In genere, tutte le compagnie consentono agli animali di piccola taglia di viaggiare accanto al padrone, purchè custoditi in gabbie con fondo impermeabile. La cura dell'animale è a carico del passeggero.
Per i gli animali di taglia medio/grande, invece,se il peso del cane sommato a quello del trasportino supera i 10 kg, l'animale dovrà viaggiare nella stiva in una gabbia rinforzata.
Navi e traghetti: Il trasporto in nave prevede il guinzaglio per gli animali di piccola taglia e trasportino per i cani di grosse dimensioni. Se volete volete portarli con voi durante il viaggio è necessario prenotare l'intera cabina prima di partire.
Sulle navi da crociera non sono ammessi animali di nessuna taglia e solo eccezionalmente cani piccoli.
Sui traghetti i cani sono ammessi solo se tenuti a guinzaglio e con museruola, mentre i gatti devono viaggiare nel trasportino. I cani di piccola taglia possono rimanere in cabina coi padroni, a patto che la cabina non sia occupata da altri passeggeri. Se il cane è di taglia media o grande deve essere sistemato in appositi "canili di bordo" sul ponte. Il costo del biglietto per cani e gatti varia a seconda della compagnia scelta e si tratta di una quota fissa indipendente dalla tratta.
Per viaggiare serenamente con i vostri amici a 4 zampe vi consigliamo inoltre
In auto
Prevedere una sosta ogni due ore per fargli sgranchire le zampe, farlo bere e facilitare i suoi bisogni fisiologici
Non lasciarlo mai incustodito all'interno della macchina e ricordate che non è sufficiente lasciare i vetri leggermente abbassati per garantire il suo benessere
Non lasciare che stia affacciato al finestrino per troppo tempo quando la macchina è in movimento
Se l’animale soffre il mal d’auto prima di mettersi in viaggio chiedete al veterinario come poter contenere il suo disagio
Rispettare le norme previste dall’art. 169 e 170 del Codice della strada.
In aereo, nave e treno
… se viaggia con voi
Evitare che sporchi e che crei disagio agli altri passeggeri
Se il viaggio è lungo non fargli mancare acqua e cibo
Quando è possibile fargli fare una passeggiata per sgranchirsi le zampe
… se viaggia nella stiva o in gabbia
Acquistare una gabbia adeguata e abituare l’animale a viverla senza troppo disagio già qualche giorno prima
Andare a trovarlo per rassicurarlo e non fargli mancare acqua e cibo
Prima di partire chiedere consiglio al veterinario per contenere i disagi legati al mal d’aria e al mal di mare